< Back

Sarà tutto un altro “Vivere”…

20/08/2007

Dal 3 settembre 2007, per Vivere, la prima soap opera interamente made in Italy, comincia un nuovo corso, un inedito capitolo di storie, un rinnovato appuntamento quotidiano, ricco di grandi novità, all’insegna delle passioni più accese, dei sentimenti più forti, degli amori più travolgenti e degli intrighi più imprevedibili.

“Vivere”, nata il 1° marzo 1999, realizzata da Mediavivere per Canale5, è all’alba di “un nuovo inizio”: la soap riparte esattamente un anno dopo le vicende estive, con tante nuove emozionanti storie, che potranno appassionare anche chi non ha mai seguito questa soap. E’ questa la prima grande novità: un salto temporale mai avvenuto in una soap, che ci permette di scoprire come sono cambiate le vite dei protagonisti negli ultimi dodici mesi appena trascorsi.

“Vivere”, il nuovo inizio. Ma la soap non abbandona la tradizione del sentimento e della passione: è un “brand” classico che si rinnova per trovare una nuova e più forte sintonia con il pubblico, con maggiore “appeal” e più fascino nelle storie e nei personaggi. I protagonisti e le vicende sono più passionali e intensi.

Gli autori hanno rifondato “Vivere”. Restano saldi i principi della soap: si continuano a raccontare con tipico tono dolce-amaro, le storie della provincia, in un accattivante intreccio di affetti, sentimenti, aspirazioni, tentazioni, passioni e intrighi, i veri motori delle vicende, in un’altalena di avvenimenti sempre ricchi, veloci ed avvincenti.

Il lago. la vera anima storica di “Vivere”.
E’ proprio questa distesa azzurra il luogo più vero dell’anima , il testimone, il confidente dei dodici protagonisti, all’alba del nuovo inizio della soap. Un altro personaggio, sempre presente, magico sfondo di tutto ciò che accade. E dopo un anno ritroviamo Rebecca Sarpi (Annamaria Malipiero) e Andrea (Lorenzo Ciompi), volti centrali di tutte le vicende, ancora dediti ai loro affari, troppo spesso al limite della correttezza e della legalità. Forse di nuovo pronti ad amare… L’affascinante Diego Blasi (Luca Bastianello) è l’ eroe romantico della storia: vive sulla sua barca, e gestisce il nuovo Diving Center nato sul lago con la madre Giulia (Mariella Valentini). I Blasi sono in società con Giovanni Bonelli (Giorgio Biavati) e sua moglie Mirella (Elisabetta De Palo), proprietari della locanda, punto di riferimento per tutti quelli che vivono a Como. Attraverso le storie, scopriamo che fine hanno fatto gli altri personaggi, entrando subito nel vivo del nuovo ciclo della soap. Le puntate di questo inedito capitolo saranno ancora più ricche di sentimenti, passioni, intrighi, all’insegna dell’amore come vera ragione e spinta emotiva per ritornare a…“Vivere”.

Una nuova famiglia. A Como troviamo al centro della scena una nuova famiglia, un ricco clan di imprenditori, i Ponti. Lorenzo Ponti (Luciano Roman) è l’elegante e carismatico padre di due bellissime sorelle, Marianna (Patricia Vezzuli), la buona e l’idealista, e Barbara (Licia Nunez), la cattiva ed intrigante, diversissime tra loro per bellezza, carattere e indole. E la cognata di Lorenzo l’eccentrica ed affascinante Cloe Margeri Lombardi (Carola Stagnaro), che il pubblico conosce per la sua intromissione nel matrimonio dell’ispettore Luca Canale (Gabriele Greco) con Carolina.

Un Sindaco. A Como, c’è anche un nuovo Sindaco: è Alfio Gherardi (Fabio Mazzari). Questo ruolo istituzionale dona maggiore forza e carisma ad un altro dei personaggi popolari della soap. Un sindaco dalla parte della città e dei cittadini che non esiterà, per amore della giustizia, ad andare contro i suoi interessi.

Un nuovo commissario. Ci sono infatti grandi novità al commissariato. Luca, il gran bravo ragazzo che conoscevamo, è stato trasformato dai tristi avvenimenti che hanno segnato la sua vita, non ultimo la fine del suo matrimonio. Uno dei volti storici della soap si presenta totalmente diverso, regalando interessanti spunti alle nuove vicende; e un differente Luca ci fa conoscere il nuovo commissario, Sandro Mario

Share
Your browser is out-of-date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now

×